CUPINORO: AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA E DEI POTERI DEL COMMISSARIO

Due documenti freschi di giornata:

1) la pubblicazione sul BURL del parere di VIA relativo all’ampliamento VAIRA 1;

2) Nuovo decreto di modifica e integrazione dei poteri del commissario Sottile.

Si tratta di passi importanti che fanno capire quale partita si sta giocando. Il decreto introduce novità per i poteri del “Commissario per il superamento della situazione di grave criticità nella gestione dei rifiuti urbani della provincia di Roma”

«b-bis) provvede alla autorizzazione alla realizzazione e gestione delle discariche per lo smaltimento dei rifiuti urbani nonche’ di impianti per il trattamento di rifiuto urbano indifferenziato e differenziato, nel rispetto della normativa comunitaria, nazionale e tecnica di settore;»

«f-bis) nel rispetto del procedimento di cui alle lettere c) e d), ove strettamente necessario a causa della mancanza di altre alternative, da valutarsi anche sulla base di un esame comparativo di tempi e costi, acquisisce discariche pubbliche o private idonee dal punto di vista tecnico, mediante compravendita o espropriazione ai sensi della precedente lettera e) ovvero mediante requisizione d’uso, e ne assicura l’esercizio, alternativamente:

(i) ai sensi della precedente lettera f);

(ii) con provvedimento di requisizione d’uso;

(iii) affidando il servizio di smaltimento di rifiuti urbani trattati a soggetti che gestiscono discariche esistenti e idonee dal punto di vista tecnico, anche con procedura negoziata nel rispetto delle leggi vigenti ovvero in deroga ai sensi dell’art. 4 dell’o.p.c.m. 6 settembre 2011 n. 3963, in ogni caso adeguando o rilasciando – se necessario – la relativa autorizzazione;»;

«al fine di assicurare il rispetto del suddetto termine finale, dispone, se necessario, il conferimento dei rifiuti urbani trattati, oltre che nel sito individuato ai sensi della precedente lettera d), in altre discariche pubbliche o private gia’ esistenti e autorizzate per lo smaltimento dei rifiuti urbani trattati, ubicate nel territorio della Regione Lazio, che abbiano volumetria e capacita’ disponibile in eccesso rispetto al proprio fabbisogno, mediante atti negoziali o mediante requisizione; al fine di assicurare il rispetto del suddetto termine finale, verifica la chiusura della discarica di Malagrotta e adotta i consequenziali provvedimenti urgenti per supportare nell’immediatezza gli enti competenti in via ordinaria per l’adozione degli atti occorrenti per la chiusura definitiva della discarica di Malagrotta, anche mediante l’immediato avvio del capping della stessa;»

Questi punti significano che il Commissario può fare tutto:

– Autorizzazione unica/AIA per VAIRA1 (e per altre discariche con domande in itinere, tipo Guidonia), con buona pace dei profeti del falso che giurano e spergiurano che la discarica sarà unicamente al servizio dell’attuale bacino e che cianciano di modifiche al Piano Regionale Rifiuti, di rivisitazione degli ambiti territoriali, del fatto che Roma dovrà avere le discariche che le servono nei propri limiti amministrativi, ecc. ecc.

Come volevasi dimostrare: le parole non contano e i fatti restano

Modifiche ed integrazioni al decreto 27 giugno 2013, n. 000203 recante proroga del commissario per fronteggiare la situazione di grave criticita’ nella gestione dei rifiuti urbani nella Provincia di Roma

PRONUNCIA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE SUL PROGETTO DI “REALIZZAZIONE DI UN LOTTO FUNZIONALE DI DISCARICA DENOMINATO VAIRA 1

Tagged with: , , ,
Pubblicato su AMBIENTE, Discariche, Documenti, Gestione rifiuti